Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem.
 

Blog

Ascoltare prima di aiutare

Ricordo una storia che ho sentito su un progetto di canalizzazione dell’acqua in una comunità povera e remota dell’Africa. L’ONG di turno è arrivata nella regione e ha stabilito che la necessità del villaggio era quella di avere rubinetti con acqua pulita vicino alle capanne dove vivevano le famiglie. Non hanno parlato con la comunità, non hanno raccolto la loro opinione, non li hanno ascoltati. I rubinetti con acqua corrente avrebbero evitato alle donne e alle ragazze di andare ogni giorno al pozzo della comunità e di riportare l’acqua necessaria per la famiglia. Alla ONG è sembrata un’idea eccellente, che avrebbe risposto a un’esigenza prioritaria e avrebbe evitato alle donne di andare a piedi al pozzo.

Una volta finiti i lavori, hanno scoperto con sorpresa che le donne del villaggio hanno protestato contro il progetto; non avevano più bisogno di andare a prendere l’acqua, ma il pozzo comunitario era stato fino a quel momento un luogo di incontro per le donne, uno spazio per lo scambio di notizie, per la socializzazione dei bambini, per il baratto e gli accordi di collaborazione e, soprattutto, era un ambiente senza uomini. In un contesto di villaggio maschilista e patriarcale, le donne potevano trovare vicino al pozzo un ambiente intimo e femminile in cui condividere la propria vita. “Perché non ce l’avete detto?” ha chiesto l’ONG. “Perché non ce l’avete chiesto”, hanno risposto le donne.

Questo è un esempio tra tanti di come cercare di “aiutare” da una prospettiva etnocentrica, senza essersi seduti a dialogare e, soprattutto, ad ascoltare, possa avere conseguenze del tutto indesiderate. Le buone intenzioni non bastano: possono fare molto male o semplicemente produrre azioni con risultati indesiderati.

A Dignidad, non siamo stati esenti da questo tipo di errori. Mi viene in mente un progetto di allevamento di conigli in Mozambico per fornire animali ai ristoranti della capitale e generare reddito per la popolazione. Ogni famiglia ha ricevuto un maschio da riproduzione e diverse femmine, oltre a gabbie e a tutte le attrezzature necessarie per l’allevamento. Quando siamo tornati a monitorare il progetto, alcuni dei beneficiari erano così poveri e affamati che avevano mangiato i conigli senza aspettare che la loro moltiplicazione producesse un reddito per migliorare la loro situazione.

Qualcuno ha detto: “Se vuoi aiutare qualcuno, ascolta! Così ci siamo progressivamente orientati verso progetti che sono nati dall’apprendimento dell’ascolto delle persone e delle comunità.

Nel 2023 abbiamo continuato a collaborare con la Scuola di Dignidad Completa di Marcação, con i progetti di formazione professionale di Quelimane e con le varie azioni rivolte alla popolazione sfollata a causa degli attacchi jihadisti nel nord del Paese. Per quanto riguarda gli sfollati, sono circa 800.000 le persone che sono fuggite dall’orrore degli attacchi fondamentalisti. Stiamo lavorando con loro su due linee principali: una linea di aiuti umanitari, fornendo risorse di base ai più bisognosi, e l’altra, un programma di alfabetizzazione nella loro lingua madre, dato che la maggior parte di loro, soprattutto le donne, non parla la lingua ufficiale, il portoghese.

Utilizamos cookies propias y de terceros para ofrecerte una mejor experiencia de navegación